21092017Ultime notizie:

Approvazione legge sul turismo, soddisfazione del consigliere regionale Antonello Peru

Cagliari, 27 luglio 2017.  “Esprimo soddisfazione per l’approvazione della nuova legge regionale sul turismo e compiacimento per l’approvazione dell’emendamento n. 4 all’articolo 11 del medesimo provvedimento, perché fa chiarezza sia sull’utilizzo delle strutture ricettive esistenti in Sardegna, sia sulle modalità di accesso alle agevolazioni e ai benefici destinati allo sviluppo del turismo nell’Isola.”
Con queste parole il consigliere regionale Antonello Peru ha commentato l’esito del voto tenutosi nella giornata di ieri in Consiglio Regionale. 
“È evidente infatti – ha proseguito Peru – il maldestro tentativo di alcuni consiglieri della maggioranza di centrosinistra che, sconfitti dal buon senso prima ancora che dalla conta dei voti in aula, cercano di strumentalizzare la decisione del Consiglio Regionale tendente a stabilire con nettezza un principio semplice e per certi versi scontato: e cioè che può accedere ai benefici previsti dalle nuove norme regionali in materia di turismo solo chi sceglie la sfida del turismo e del mercato e non anche chi destina le proprie strutture ricettive all’accoglienza dei migranti. 
Escludo, dunque, qualsiasi intento discriminatorio verso alcuno o alcunché e ribadisco la finalità della proposta emendativa accolta dall’Aula: distinguere gli interventi regionali per il turismo da quelli in favore dell’accoglienza dei migranti.  
Soltanto gli albergatori che utilizzano le loro strutture ricettive per ospitare i turisti potranno accedere alle agevolazioni previste nella nuova legge per il turismo approvata in Consiglio Regionale, contributi finalizzati all’allungamento della stagione turistica. Sono invece esclusi dai benefici coloro che utilizzano alberghi e residence per fare business dai migranti. Questo è quanto stabilisce l’emendamento di cui sono primo firmatario e che è stato approvato dall’Aula a scrutinio segreto. Mi meravigliano dunque alcune reazioni scomposte provenienti dai banchi delle sinistre, perché si è affermato un principio di buon senso e persino scontato: solo chi sceglie la sfida dei mercati e del turismo può beneficiare degli aiuti che la Regione Sarda destina per il rilancio del turismo e finalizzati all’allungamento della stagione turistica Quelli che invece scelgono il contratto con la prefettura per ospitare i migranti, scelta legittima e meritoria, hanno altro tipo di sostegno pubblico e a quanto pare anche un nutrito numero di sostenitori politici in Sardegna”.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment