20092018Ultime notizie:

Pazienti glicemici. Mozione del Vicepresidente del Consiglio Regionale Antonello Peru

Cagliari, 2 marzo 2018. “Impossibile effettuare le terapie senza sensori e microinfusori. I diabetici sardi non possono disporre degli apparecchi per il monitoraggio in continuo della glicemia. Occorre porre in essere tutte le azioni finalizzate alla rimozione delle cause che determinano il rifiuto alla fornitura dei dispositivi”. Con una mozione il vice presidente del consiglio regionale Antonello Peru (FI) invoca il presidente Pigliaru e  l’assessore Arru a dare una svolta per l’assistenza ai malati isolani. Una patologia che nell’Isola ha un impatto devastante. “Il diabete – continua l’esponente degli azzurri nell’aula di via Roma – è la malattia cronica più diffusa in Sardegna con 100mila pazienti che devono ricorrere a cure ed assistenza permanente per tenere sotto controllo i valori. Numerose regioni italiane hanno deliberato per consentire la prescrizione ed il totale rimborso, a carico del sistema sanitario nazionale, dei dispositivi per il monitoraggio della glicemia. Vogliamo che la Sardegna possa imitarne l’esempio”. Troppi disservizi nell’assistenza ai pazienti nell’Isola, con l’aumento delle segnalazioni, da parte dei pazienti, sul diniego dei sensori utilizzati per  i continui checkup. “Senza i congegni il diabete scatena delle complicanze  – prosegue Peru – Tali strumenti consentirebbero ai pazienti di poter condurre una vita normale ed in sicurezza”. Non basta. “L’assistenza  alla salute in Sardegna sembra poi legata a logiche economiche finalizzate alla quadratura dei bilanci più che alla salvaguardia e alla tutela  della salute dei cittadini – conclude Peru – Per questo si auspica che la Regione rimuova gli ostacoli che impediscono l’assegnazione dei dispositivi ai pazienti e agevoli così le cure agli ammalati glicemici, consentendo così un’assistenza con strumenti all’avanguardia per il controllo dei valori”.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment