16102018Ultime notizie:

Chiusura della guardia medica turistica a Platamona, Peru: “Situazione intollerabile con ritardi insostenibili”

Cagliari, 19 luglio 2018. “Due vacanzieri che in questi giorni si trovano nel litorale di Platamona si indirizzano verso la guardia medica turistica, ma trovano la porta dello stabile – ad un passo dalla Rotonda -chiusa. Asserragliata. E’ una delle tante scene che si possono avvistare nel lungomare che da Sorso si allunga verso Sassari, per poi estendersi sino a Porto Torres, per una fascia di 23 chilometri che resta così senza alcun servizio sanitario nella stagione estiva. Il rischio è di un ulteriore rinvio”. L’ennesimo grido d’allarme arriva dal vicepresidente del Consiglio regionale Antonello Peru (FI): “I vertici dell’Azienda tutela della salute ascoltino il territorio – spiega l’esponente degli azzurri – L’apertura della guardia medica turistica (che sarebbe dovuta partire dallo scorso 1° luglio) è in forte ritardo sulla tabella di marcia. Annunci e promesse non sono bastati.  Il distretto di Sassari deve fronteggiare l’assenza di un presidio di continuità assistenziale per i bagnanti. Un disservizio che l’area del nord ovest isolano non può certo subire”. Inutili gli appelli lanciati gli scorsi giorni dal vicepresidente dell’assemblea di via Roma: “Le rassicurazioni dell’azienda territoriale socio sanitaria – rincara la dose Peru – non sono bastati ad assicurare l’apertura di un presidio fondamentale per i turisti, che così si sono ritrovati senza un punto di riferimento indispensabile per le emergenze sanitarie”. Per malori e indisposizioni improvvise unica strada è la guardia medica di Sassari. O, in alternativa, un ambulatorio in servizio a Sorso. “Un caos senza fine, con il servizio di continuità assistenziale totalmente assente sulla zona rivierasca di Platamona che nel corso della stagione estiva è affollata dai turisti. E’ una situazione grave ed intollerabile che acuisce la già pesante condizione nella quale versa il territorio e si ripercuote sui cittadini privati di un presidio vitale durante la stagione estiva – conclude Peru – Tutti conoscono l’importanza di questo servizio che pesa pochissimo sulle casse dell’Azienda Sanitaria ma che, contemporaneamente, offre una assistenza fondamentale per le famiglie, senza gravare sul pronto soccorso cittadino”.

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment