12122018Ultime notizie:

Sorso, dalla Regione le risorse per recuperare la vecchia caserma dei carabinieri. Peru, “Un polo culturale e multimediale per la cittadina”

Antonello Peru: “Nella struttura un centro per la valorizzazione di saperi, arti e mestieri della Romangia”

Cagliari, 25 ottobre 2018. Potrebbe diventare uno spazio da destinare alle attività culturali, con la promozione delle tradizioni popolari della cittadina della Romangia. L’emendamento da 500mila euro approvato dal Consiglio regionale, per l’acquisizione della struttura, è stato fortemente voluto dal vicepresidente Antonello Peru. L’esponente dei forzisti prospetta un nuovo disegno per la valorizzazione della vecchia stazione dei carabinieri, che si affaccia sulla piazza Marginesu, ormai da anni in stato di degrado. Un progetto ambizioso: “L’immobile è stato utilizzato come sede della locale Stazione dell’Arma dei Carabinieri sino ai primi anni del Novanta – spiega l’esponente degli azzurri – Il compendio  è poi finito nel dimenticatoio, con un gravissimo stato di degrado, infiltrazioni dal manto di copertura e abbandono strutturale. Si tenga conto che si tratta di un patrimonio storico per la città”. Il contributo approvato dall’assemblea regionale consentirà  al Comune di Sorso di acquistare il caseggiato con una location di grande valore storico e architettonico: “La struttura potrà così essere recuperata attraverso un project financing – propone Peru – con la realizzazione di un complesso destinato ad attività culturali. La proposta è finalizzata alla costruzione di uno spazio per ospitare la biblioteca, con sala convegni, mediateca e aree multimediali. Una struttura innovativa e unica nel suo genere, che possa accogliere al suo interno anche un centro educativo e di orientamento ai giovani nel mondo del lavoro. Spero che una parte delle risorse della rete metropolitana da destinare al Comune di Sorso (riguardanti la ristrutturazione della biblioteca di via Siglienti) possano essere integrate in questo progetto, restituendo così al mare le ossa della balena”. Non basta. “L’edificio storico sarà l’occasione per valorizzare le nostre tradizioni popolari – conclude Peru – su saperi, arti e mestieri. Una sintesi tra cultura e territorio, dove i capolavori dell’arte si fondono con sapori e profumi unici della nostra terra, a partire dalla lavorazione e produzione del vino nelle cantine di Sorso. L’idea dovrà mirare alla realizzazione di un itinerario enogastronomico che possa così mettere in risalto l’identità del territorio, dando vita ad una vetrina imprenditoriale. E’ una occasione unica per la città, vista la centralità della location, che potrebbe contribuire anche al rilancio dell’economia locale attraverso diversi momenti di incontro. Una piattaforma da allestire in tempi brevissimi per restituire alla cittadina un patrimonio dimenticato”

What Next?

Articoli correlati

Leave a Reply

Submit Comment